professione Architetto
torna all'home page
iscriviti alla newsletterISCRIVITI ALLA
NEWSLETTER
.corso CAD

 

Hai bisogno di aiuto?

In questa lezione daremo dei consigli su come quotare un disegno AutoCAD.

La quotatura di un disegno

La difficoltà della quotatura di un disegno AutoCAD non deriva tanto dai tre o quattro comandi che si utilizzano con maggior frequenza, quanto dalla molteplicità dei parametri che consentono di impostarne l'aspetto.

Per far questo dobbiamo operare sulle impostazioni con il comando DDIM.

Gli stili di quotatura

Ogni quota che inseriamo nel disegno ha un suo stile di appartenenza.

Lo stile è un set di impostazioni che contraddistinguono l'aspetto finale di quella quota. Lo stile di default si chiama STANDARD. È già difficile controllare perfettamente un solo stile di quota: limitiamo l'uso degli stili ad uno o massimo due varianti per disegno, e vivremo meglio.

Lines & Arrows

Dobbiamo imparare a prendere confidenza con i termini dimension line, extension line, arrows, text position.

figura

L'impostazione che suggeriamo in questo esempio sono usuali per un disegno architettonico.

Iniziamo dalla posizione del testo. Questa impostazione determina la posizione del testo rispetto alla dimension line, soprattutto quando il testo è tale da non poter essere scritto centralmente. Utilizziamo Best fit.

Sopprimiamo Extension lines. Possono complicare la lettura del disegno. All'occorrenza aggiungeremo manualmente le linee di riferimento sullo stesso layer delle quote.

Tutti i colori devono essere Bylayer.

Solitamente nel disegno architettonico si impostano le arrows a tick, uitilizzando un blocco modificato denominato _archtick. Questo blocco può essere modificato a piacimento. I blocchi _dot e _ dotsmall si usano per i leader.

Text

È preferibile usare un font True type come l'Arial, in questo modo le quote sono leggibili fino ad un'altezza di un millimetro.

Non è corretto, ed è inutile, cambiarne il colore.

La dimensione del testo varia da 0.15 a 0.25. Un buon compromesso è 0.18.

Per poter adattare al rapporto di stampa TUTTE le variabili di quotatura si usa assegnare valori opportuni ad una variabile che cosituisce un fattore di scala globale delle quote del disegno.

Scala del disegno (dimscale):

scala disegno valore
1:1000 10
1:500 5
1:200 2
1:100 1
1:50 0.5
1:20 0.2
1:10 0.1

 

Un altro discorso riguarda il modo di visualizzare il valore del testo. Se il nostro disegno è realizzato in metri (1 unità disegno = 1 metro) e vogliamo che le misure vengano espresse in centimetri, allora impostiamo la variabile dimltfac a 100 (1.50 metri x 100 = 150). Ecco alcuni esempi.

Fattore di moltiplicazione delle quote (dimltfac):

misure espresse in valore esempio
metri 1 1.50 - 23.10 - 0.08
centimetri 100 150 - 2310 - 8
millimetri 1000 1500 - 23100 - 80

 

Per quotare il disegno usiamo i comandi DIMLINEAR, .....

 

Quotatura di disegni a scale differenti

Supponiamo ora di avere sullo stesso disegno una pianta che stamperemo in scala 1:100 e due particolari da stampare rispettivamente al 50 ed al 20.

Un modo corretto di realizzare questo disegno prevede di realizzare separatamente i tre disegni (pianta.dwg, particolare50.dwg, particolare20.dwg).

Nel disegno pianta.dwg (1:100) impostiamo la scala delle quote a 1.0.

Nel disegno particolare50.dwg (1:50) impostiamo la scala delle quote a 0.5.

Nel disegno particolare20.dwg (1:20) impostiamo la scala delle quote a 0.2.

In un nuovo disegno che chiamiamo Tavola.dwg inseriamo come blocchi i disegni:

- pianta.dwg con un fattore di scala 1.0

- particolare50.dwg con un fattore di scala 2.0
(1:50 = 2 volte più grande di 1:100)

- particolare20.dwg con un fattore di scala 5.0
(1:20 = 5 volte più grande di 1:100)
.

Le quote di tutti questi disegni verranno visualizzate alla stessa grandezza.

Stamperemo il disegno Tavola.dwg ad una scala 1:100.